FOGGIA CALCIO. I PORTAVOCE 5 STELLE FOGGIANI PER UN EQUO PROCESSO SPORTIVO

No alle “pene esemplari” auspicate dal Procuratore Federale della Federazione Italiana Giuoco Calcio

In merito al processo sportivo in corso davanti al Tribunale Federale Nazionale della F.I.G.C., che ha visto la Procura Federale richiedere la retrocessione del ‘Foggia Calcio 1920’ all’ultimo posto del campionato 2017/18 di serie “B”, con la conseguente retrocessione in serie “C” nella stagione 2018/19, i portavoce del M5S Rosa Barone (Consiglio Regionale Puglia), i deputati Marialuisa Faro, Carla Giuliano, Giorgio Lovecchio e Rosa Menga e i senatori, Gisella Naturale e Marco Pellegrini dichiarano:

<<Ci aspettiamo che alla società Foggia Calcio 1920 venga comminata, dal Tribunale Federale Nazionale, una pena commisurata agli illeciti eventualmente commessi ed accertati, una pena afflittiva calcolata secondo il Codice di Giustizia Sportiva, che tenga anche conto della pluridecennale giurisprudenza e del buon senso.

Rimaniamo, di contro, perplessi nel leggere alcune dichiarazioni del Procuratore Federale che ha auspicato “pene esemplari” per il Foggia Calcio, atteso che le pene devono sempre essere informate a criteri di equità e di logica, anche quando riguardano società calcistiche non di prima fascia, non seguite da milioni di tifosi.

La Giustizia, sia essa ordinaria o sportiva, è forte e credibile quando applica con fermezza esemplare le sue regole, non quando vuole essere “esemplare”.

Auspichiamo, anzi, siamo certi, che il Tribunale Federale e eventualmente la Corte d’Appello Federale e, se occorrerà, il Collegio di Garanzia del Coni, applichino i regolamenti e vogliano giudicare con la massima serenità e imparzialità>>.